Art | paola iezzi | official website

Paola Iezzi Official YouTube

Seguimi su Twitter

Shop

Login

Archivi

Categorie

art

Il video ufficiale di “Se Perdo Te”

Ecco il mio personale regalo di Natale per tutti voi! Il video ufficiale di “Se Perdo Te”!
Quando ho pensato a Mickey Mouse come ispirazione per l’immagine di questo progetto, mi è venuto in mente di realizzare un video dove una mano immaginaria potesse in qualche modo tracciare dei disegni intorno o sopra di me; come a farmi dei dispetti o a cercare di interpretare alcuni miei pensieri ed emozioni.
Per questo video ho pensato di coinvolgere Ivo Bisignano, che oltre ad essere un caro amico, è un illustratore ed un artista straordinario, dotato di una grande sensibilità e che subito è riuscito a realizzare un artwork e uno storyboard perfetti; che alternando con grazia, romanticismo, ironia e poesia ricorda la magia del cinema di dei primi del ‘900. La regia è di Paolo Santambrogio, autore anche del servizio di copertina, e la parte di animazione digitale e di post produzione è stata realizzata dall’agenzia “Dodicitrenta” di Milano. Il make-up e i capelli sono di Letizia Maestri, gli abiti e il fiocco di Miu Miu, mentre le orecchie da topolino sono di Francesco Ballestrazzi.
Buon Natale a tutti!

Directed by Paolo Santambrogio – Artwork and Handmade Illustrations by Ivo Bisignano – Editing, Color & Post Production by Dodicitrenta – Digital Designer Simone Mozi Birolini@Dodicitrenta – Hair & Make-Up Letizia Maestri for MaestriMKUPStudio – Paola wears Miu Miu, Mickey Mouse Headband by Francesco Ballestrazzi – First Assistant Director Marco Piraccini – Special Thanks to Carlo Chieco – Concept & Executive Production by Paola Iezzi – ©2013 SUPERSTYLISHBITCH entertaiment – ISRC: IT-1QO-13-00001

Yvo Bisignano per Prada

Prada ha presentato una nuova collezione di occhiali in edizione limitata, soli 500 pezzi,  si chiama Minimal Baroque. Tre gli artisti scelti da Prada per realizzare alcune illustrazioni ispirate proprio ai Minimal Baroque. Ecco quelle splendide di Yvo Bisignano!

Questo è il sito di Yvo: http://ivobisignano.blogspot.it

Questo il mio post precedente su una sua mostra: http://www.paolaiezzi.com/2009/12/les-femmes-di-yvo-bisignano/

Yvo Bisignano portrait by Paolo Santambrogio

Les Femmes di Yvo Bisignano

IMG_9910
Siamo sotto Natale.
Una mostra d’arte è l’occasione per incontrare un po’ di amici prima del 25 dicembre 2009. Manco a farlo apposta a due passi da casa (in p.zza Cantore) Ivo espone le sue “Femmes”. Conosco Ivo da poco più di un anno e mezzo. Siamo amici, ma abbiamo anche collaborato spesso e volentieri su vari progetti, non ultimo il mio videoclip “Alone” e devo dirlo, sono una sua grande “fan” perchè è un artista. E io amo gli artisti puri e lui lo è. Puro e Artista.yvojpg Ha un concetto della bellezza distante, altero, severo, elegante, ma al tempo stesso cattivo e anche… si, divertente!
Lo stile delle “Femmes” è naturalmente impeccabile, amabilmente snob, non per acquisizione, ma per natura. Stanno fra loro, oppure sole per sempre. Hanno occhi trasparenti, come acque marine, come nelle fotografie di Lindbergh, hanno colli lunghi come dei Modigliani e sono colorate, coloratissime. I colori sono decisi, netti, ma accostati fra loro con gusto e sapienza. Le fogge degli abiti dei capelli e, a volte dei cappelLi, variano, dagli anni ’30 agli anni ’50 ai fine ’70. Ma, mentre il colore degli occhi resta invariabilmente azzurro chiarissimo, il colore dei capelli diventa rosa, rosso, verde, violetto, arancio. Le pose di una sofisticata ricercatezza… le vediamo frontali, a tre quarti, di profilo, con il capo leggermente reclinato. In alcune di loro leggi la noia, in altre la malizia, in altre ancora una sorta di sorriso appena accennato, quasi di circostanza, aristocratico, arcaico come un “kouros di melos”.
Le femmes sono un trionfo di colori e di espressività. Di vita. “Le femmes” ci osservano, ci guardano brindare nei loro completi eleganti, con le gote rosate e le labbra rosse e burgundy, con le loro cloches e le collane di pietre dure tanto che, di tanto in tanto, guardandomi intorno, mi pare abbiano quasi un’aristocratica compassione per questi esseri umani che cercano disperatamente di dare un senso al tempo, all’amore e alle sommosse nelle piazze.
Grazie Ivo, Buon Natale.

Paola Iezzi

LES FEMMES

“Donne tristi, malinconiche, cocteauiane, sempre perfette anche in gruppo ma ovviamente sole, dove la solitudine da sfogo alla loro creatività di essere uniche, irrangiungibili, nel loro modo di apparire, nei loro confronti e nei confronti di una società che non le rappresenta.”
Yvo Bisignano

Olio su tela, olio su legno, colori decisi netti, pennellate violenti poco inclini alle sfumature.

IVO BISIGNANO. Siciliano di nascita, studia e consegue la Laurea in architettura a Berlino, poi il Master.
Talento poliedrico lavora in diversi ambiti dell’industria della moda; Ivo è un illustratore per Conde Nast, per Rizzoli e per Mondadori. Allo stesso tempo è stylist e consulente moda, partecipando a numerosi progetti artistici in giro per il mondo.

Esposizione presso il “Vavamoom” di Piazzale Antonio Cantore, 3 a Milano. Fino al 6 Gennaio 2010.

yvoQui sopra l’interno del Vavavoom di Piazza Cantore, sotto da sinistra Filippo Maria Biraghi di Flamboyant, Yvo Bisignano e me.

yvo2Qui sopra Andrea Boschetti di Flamboyant con me, di fianco ancora io e Filippo; anche Ivo fa parte del gruppo di Flamboyant Magazine. Il mio abito e il mio cappotto sono di Francesco Scognamiglio

GloriaMaria Gallery opening

gloria
A Milano, in Via Watt al 32, nasce un nuovo spazio dedicato all’arte: GLORIAMARIA GALLERY, fondata da Gloria Maria Cappelletti.
Gloria, da sempre vicina al mondo dell’arte, dopo aver lavorato per molti anni nell’industria della moda e per diverso tempo come agente di fotografi, decide di dedicarsi completamente a questa sua nuova impresa.
La Galleria viene inaugurata Giovedì 3 dicembre con la mostra “THE PYRATE BAY” dell’artista greco Miltos Manetas, da anni amico di Gloria Cappelletti. La mostra è curata da Daniela Palazzoli.
Si tratta di alcuni quadri ad olio raffiguranti tutti lo stesso soggetto, ovvero un galeone pirata. All’interno del quadro Miltos Manetas ha inserito un hard disk con un uscita USB; chiunque portando il proprio laptop può connettersi e scaricare contenuti multimediali che appartengono all’artista e alla sua vita; come i suoi dischi preferiti, i film, le foto ed altro.
Il concetto alla base della mostra è il “Piracy Manifesto“, che tratta il tema di internet e della pirateria.
A proposito di internet vi linko anche un altro “Internet Manifesto“, scritto da alcuni blogger tedeschi che riguarda il ruolo del giornalismo sulla rete.
Il tema è molto interessante e sicuramente molto attuale. Merita attenzione ed approfondimento. Tutti noi dovremmo sempre più confrontarci con la rete e con il suo sistema. Nel mio settore in particolare, temi come quello del copyright, della condivisione della musica e dei videoclip, saranno cruciali per l’evoluzione e la sopravvivenza degli artisti e della musica.
E’ tutto e sarà tutto molto veloce, per questo credo sia molto importante restare aggiornati e pronti ai cambiamenti.

gloriagalleryIn alto a sinistra l’ingresso della galleria, a destra Gloria Cappelletti, Alice Gentilucci, io e Marcelo Burlon. Sotto le opere di Miltos Manetas esposte alla mostra.

Thomas Bayrle Exhibitions – Cardi Black Box – Milano

bayrle0bayrle5
Milano, Cardi Black Box in  Corso di P.ta Nuova al 38; inaugurazione della mostra di Thomas Bayrly.
“Nasce a Berlino nel 1937, vive e lavora a Francoforte. Thomas Bayrle è stato uno dei fondatori del movimento pop in Germania insieme a Sigmar Polke e Gerhard Richter, ed ha influenzato la scuola di Francoforte sia come artista che come insegnante per più di trent’anni.
Il lavoro di Bayrle in printmaking, collage fotografico e disegno è stato chiamato “Piranesi-esque” con i suoi complessi, micro/macro patterning che generano quasi una sineddoche visuale: figura retorica dove per indicare l’intero si nomina una sua parte o viceversa. Aree diverse della conoscenza, in senso lato, come la nanotecnologia, la cibernetica, la pornografia, l’urbanistica e la pubblicità offrono le fondamenta, l’impulso e la materia prima della pratica di Bayrle. Attraverso le relazioni di punto e griglia o cella e condotto, l’artista crea sovrastrutture illustrate che analizzano le strutture sociali che noi occupiamo. Bayrle costruisce immagini architettoniche, tecnicamente innovative che perturbano la percezione attraverso il loro iconoclastico uso di forme. Oltre ai suoi lavori a due dimensioni, l’artista produce anche sculture: modellini di cartone di piste per moto che suggeriscono un qualche genere di sovrastruttura d’ecologie urbane” (fonte WikiARTpediA)
Arrivo alle 20.00 circa. La galleria è strapiena di gente tanto che pare più l’attesa di un concerto. Positivo. Si respira un’aria internazionale e l’arte interessa e non annoia. Incrocio il mitico Elio Fiorucci immediatamente all’ingresso e, dopo qualche foto di rito, mi addentro per dare un occhio alle opere, che sono belle e curiose. Per vedere il soggetto “esterno” (diciamo così) ti devi allontanare sufficientemente, per vedere quello “interno” (riprodotto in serie ordinata per comporre l’opera) devi avvicinarti parecchio. bayrle4 Per di più ci sono i colori, pop, acidi, fluo… molto 60’s. I micro soggetti sono tazzine, bottiglie, la mucca (o il toro) con gli orecchini che ride, un microprofilo di donna, un telefono, una camicia piegata, un paio di scarpe maschili. I macro soggetti sono ritratti, una bottiglia, scritte, una donna stesa che prende il sole a rimini (dice la didascalia) , un’operaia che lavora il cotone, un martello, un’oca. Oltre ai quadri c’è uno stand pieno di impermeabili di plastica trasparente stampata e poi un impermeabilone gigantesco appeso al soffitto di colore rosso (sempre trasparente di plastica). Divertente, concettuale, dinamico, poetico Bayrle e…immancabilmente Pop. Al piano di sopra i temi predominanti sono l’urbanistica e l’eros. Da una parte (con piccoli e grandi quadri fatti con strisce di cartoncino e intersecate, come se fossero delle trame di tessuto ingrandite al microscopio) raffigurati città, strade e palazzi… Dall’altra parte della stanza, invece, predomina il tema dell’eros; quello che ha maggiormente attratto la mia attenzione, è una fellatio che ha (come soggetto interno) un micro fallo riprodotto innumerevoli volte.bayrle1Il sesso, ha sempre un potere di attrazione notevole, è evidente nel volto di chi osserva.Ma chissà come mai!!! Presente nella sala anche un ritratto doppio piuttosto grande (a colori e in bianco e nero) di Condoleezza Rice, sempre fatto con la medesima tecnica di strisce di cartoncino, che mi ha colpito molto.
Mi colpisce anche il volto di una donna messa a tre quarti con uno chignon di capelli  basso, praticamente identico a quello che io ho fatto questa sera. Per altro mi sento perfettamente a mio agio nel mio look Westwood, anche per la scelta dei colori e la fantasia a righe del mio top. Perfettamente inserita nel contesto circostante… mi piace questo elemento!!!
Ariscendo al piano di sotto e mi sparo l’unico drink che viene offerto, credo vodka, ma lo bevo appena. E saluto un po’ di amici… ammirando da lontano LIEBE BUTTER. Saluto finalmente anche Nicolò Cardi e mi complimento con lui per la mostra veramente bella; poi discutiamo dell’articolo uscito quella mattina sul Corriere della Sera: assurdo… “il vicinato della Cardi Black Box si lamenterebbe del chiasso causato dagli eventi della Galleria, e l’avrebbe per questo denunciata”. Mio Dio, ora, oltre ai concerti, alla movida notturna, manco più le mostre d’arte vanno bene a Milano?!?  E poi… sono le 8 della sera!!! Che disperazione questa città! Spero che non si trasferiscano tutti a New York, a Londra e a Parigi, condannando Milano ad un futuro grigio, triste e completamente privo di creatività! Ma perché, dico io, invece di lamentarsi non si infilano qualcosa e non scendono a vedersi un po’ di bei quadri… certamente gli farebbe un gran bene!

bayrle3

Frieze Art Fair 2009 – London

biglietto frieze
Ancora Londra, Sabato 17 Ottobre. Le previsioni annunciavano sole, invece il cielo è plumbeo e il freddo, aperte le finestre della mia stanza, è penetrante. Per svegliarsi è perfetto. Oggi  mi devo incontrare con Gilla per andare a vedere il Frieze Art Show che volge alla  sua conclusione.
Faccio una volata dal parrucchiere, il mitico Russel, e poi un salto a Portobello Market, dove tra la fiumana di gente e l’odore insopportabile di fritto e cibarie, adocchio su un banchetto, tipo gazza ladra, un meraviglioso paio di orecchini a clip vintage di Givenchy per la modica cifra di 5 £! Senza riflettere neppure per un secondo, naturalmente li compro. Poi, con la tube, torno in albergo e mi preparo.
L’appuntamento è alle 15.00 davanti all’ingresso principale di Frieze a Regent’s Park. Oggi a Londra c’è un traffico infernale ed è difficile trovare un tassì. Ma lo troviamo e in un minuto siamo diretti a Frieze!
Dopo un’iniziale misunderstanding seguito da telefonate del tipo “io sono qui, tu dove sei? “ “Hai presente l’ingresso ad arco tutto in legno pieno di lampadine” e roba del genere io e Gilla riusciamo a venirne a capo! Entriamo finalmente alla fiera. C’è parecchia gente. Le gallerie che espongono sono molte, tra le quali spicca la più rappresentativa e simbolica del Frieze Art Fair, la “White Cube” che ha al suo interno artisti come Damien Hirst, Marc Quinn (del quale vidi parecchi anni fa una personale alla fondazione Prada a Milano), Gilbert&George, Gary Hume e altri. Gilla mi porta subito lì. Ammiro alcune opere di Hirst che hanno sempre quel gusto obitoriale, da sala operatoria (peraltro in Bond Street c’erano i suoi famosi “teschi” in esposizione). C’è una teca piuttosto grande, dove si possono ammirare un sacco ferri per operazioni chirurgiche. La visione dell’opera di Hirst genera inquietudine e brivido insieme. Il suo lavoro sembra la rappresentazione artistica di un assassino seriale. Un odierno Jack The Ripper, Hannibal the Cannibal…
garyhume1Vengo poi immancabilmente attratta da un’opera di Gary Hume che rappresenta il volto di Jackson completamente bianco, inserito in una circonferenza, gli occhi sono asimmetrici e colorati d’ocra all’interno. La bocca rossa. L’opera è bellissima. Costa anche parecchio! Gilla mi ha spiegato che qui le trattative più grosse, con i compratori d’arte, si sono praticamente già concluse… Chi doveva comprare lo ha già fatto, anche se pare che un tasso alcoolico troppo elevato dovuto ad una distribuzione troppo generosa dei cockail, durante la vera giornata degli affari (la prima) non ha giocato a favore…  infatti i calzini della Puma sono rimasti lì, per terra, ancora in vendita! Strano a raccontarsi, e ancor più a vedersi, ma un artista, del quale, guarda caso,  mi sfugge il nome, ha presentato, come opera, un paio di (credo suoi) calzini usati, neri di Puma, buttati con noncuranza  per terra. Qualcuno, distrattamente ci ha anche camminato sopra non accorgendosi di calpestare una reliquia. Si, una reliquia del valore di ben 25.000 sterline. Provocazione da artista? Fatto sta che neppure l’eccessiva offerta di cocktail di benvenuto ne ha favorito l’acquisto e… te credo!
Per fortuna che, oltre ai calzini e un paio di sacchetti contenenti urine e delle piccole noci di cocco dentro in una teca di vetro, c’erano opere ed artisti interessanti. Alcuni neonisti molto bravi. Una foto (splendida e spettacolare) di Andreas Gursky  che ritrae un momento di una giornata all’interno della borsa saudita.andreagursky
Gilla poi mi mostra un’opera di Richard Long spiegandomi che Long è un fotografo e uno scultore inglese che sviluppa la sua arte in relazione all’ambiente circostante e che riguarda per lo più contesti paesaggistici e naturali. “ L’intento di Long è quello di accreditare la relazione tra l’uomo e l’ambiente come “fatto” creativo per eccellenza, intimo e primitivo, privo di ingombranti implicazioni volontaristiche e di ridondanti mediazioni artificiali”. Per questo si serve spesso di materiali (ad esempio fanghi) che trova nei diversi luoghi, durante le sue escursioni.
Mi è rimasta poi impressa un’opera di Ivan Navarro, artista cileno che realizza delle complesse sculture luminose. E’ stato uno dei primi ad utilizzare il neon come materia artistica. Navarro sviluppa il concetto di conversione dell’energia costruendo istallazioni con materiale di uso comune. Quello che abbiamo visto in particolare è un grande parallelepipedo nero lucido con, al suo interno, un diverso numero di  tubi di neon rosso allineati  orizzontalmente e sul fondo del parallelepipedo uno specchio che, con un’illusione ottica, moltiplica  all’infinito il numero dei neon, in modo tridimensionale, ampliando di fatto la percezione dell’ambiente in cui ci si trova. Davvero particolare a vedersi.
Altro (giovane) artista di spicco è Peter P. (Si fa chiamare così perché non vuole svelare la sua reale identità). Realizza piccole tele, ritraendo giovani fanciulli. Le sue opere si possono ancora acquistare a prezzi percorribili, ma ci sono esperti pronti a giurare che diventerà un artista quotatissimo.
Da segnalare anche la presenza della molto interessante galleria napoletana T293, che si presenta al Frieze  senza opere ma con  solo i cataloghi dei loro artisti e un particolare “stand” che diventa di per sé un’istallazione d’arte firmata da Pasquale Pennacchio&Marisa Argentato. Una stanza fatta con materiale di recupero e scaffali tipico delle vecchie botteghe. Quattro pareti di truciolato rivestito in plastica bianco ottico a buchini… Avete presente certe vecchie drogherie che ancora si vedono in  giro?… A starci dentro per un po’ e concentrandosi sui puntini, ti girava la testa!
capitalism
Tra gli artisti che rappresenta Marco Altavilla e la T293, mi colpisce in particolare l’opera in neon di Claire Fontaine “CAPITALISM KILLS LOVE”, che, secondo un  progetto e un intento preciso la galleria e gli artisti vorrebbero riuscire a fare mettere per qualche tempo sulla facciata nientemeno della FED, la banca centrale degli Stati Uniti!traceyemin
Vorrei infine citare l’inglese Tracey Emin, artista donna dal passato e le esperienze travagliate e drammatiche. Oltre ad utilizzare altre forme d’arte, dipinge ricamando la tela con ago e filo nero. Per lo più “dipinge-ricama” denunciando la violenza. La violenza sulle donne, violenza correlata all’esperienza sessuale. Fu violentata a tredici anni e per lei, da quel momeno la violenza è diventato quasi un fatto normale, dal quale non poteva né sapeva sottrarsi.“C’è violenza nel mio lavoro, soprattutto violenza contro le donne. Molti sono stati crudeli con me perché sono donna. Sono stata violentata a tredici anni da un ragazzino poco più grande di me. Si dovrebbe parlare più spesso di queste cose perché capitano anche agli uomini. È tempo di rompere questa catena di omertà: ecco perché nelle mie opere mi confronto spesso con l’adolescenza. È il momento in cui tutti possono farti ciò che vogliono”
La mia esperienza al Frieze Art Fair si conclude, così saluto e ringrazio Gilla Bertotti per l’invito e l’opportunità e  torno felice in albergo, felice perché l’arte (calzini di Puma a parte) ti solleva, anzi ti eleva ad uno stato superiore. Ti fa venire voglia di essere migliore, di essere più critico, più attento più ardentemente desideroso di eliminare la “spazzatura” dalla vita di ogni giorno. Per questo motivo è così importante!
Qui un video per chi vuole approfondire…

frieze

Durante il Frieze, mentre mi intervistano con Gilla Bertotti al mio fianco, accanto ad un quadro stupendo di Gary Hume e nel salone adiacente allo stand di “White Cube”. L’outfit è di Ferragamo, borsa, scarpe e occhiali compresi!

Dream Hunters – The 14th Exhibition of Blue&Joy – London

b&j06
Che c’è di meglio di un week-end a londra per fuggire alla monotonia e all’angoscia di una città come Milano, dove gli spazi dedicati alla creatività e all’arte si riducono sempre di più? Così la mia partenza per london diventa più di un normale fine settimana di puro svago e shopping. Infatti parto mercoledì 14 ottobre.
Il 15 sono ospite dell’inaugurazione della mostra di Blue&Joy, al secolo Daniele Sigalot e Fabio La Fauci, amici ormai da parecchi anni, all’interno della boutique di Salvatore Ferragamo nella via dello shopping londinese, la meravigliosa Old Bond Street. E’ un cocktail che parte alle 18.00 e termina alle 22.00.
Giovedì arrivo all’inaugurazione verso le 20.30 e il negozio è già gremito di invitati ognuno con il proprio flute di champagne in mano. Le opere degli artisti un po’ ovunque e le modelle che sfilano su un catwalk “sali e scendi” la collezione autunno-inverno 2008-2009.
L’atmosfera è frizzante, ma rilassata. Saluto i ragazzi e mi complimento per l’allestimento e le opere davvero originali, come sempre. In particolare mi colpisce il cane gigante (che è un po’ il protagonista della mostra) , ricavato dal collage di migliaia di bottoni griffati “ferragamo”.
La serata prosegue tra chiacchiere, i sorrisi e le lacrime di Blue e di Joy, nuove conoscenze, musica, abiti e scarpe e occhiali in bellavista e incontro un sacco di insospettabili “fans” di Paola&Chiara che sono italiani, ma vivono e lavorano come professionisti a Londra da anni. Tutti si rivelano aperti e molto simpatici e dimostrano di apprezzare molto il look che ho scelto per questa sera. La cosa mi inorgoglisce non poco.
Al cocktail incontro anche Gilla Bertotti, che gentilmente mi informa che a Londra è in corso il “Frieze Art Fair” , una delle fiere d’arte più importanti del mondo. Gilla, super carina , si offre di “scortarmi” sabato alla fiera. Si occuperebbe lei di procurarmi un ingresso. Entusiasta all’idea, accetto più che volentieri!
Al momento dei saluti, la sensazione che mi porto via, nella mia stanza d’albergo, è che Londra sia bella, si, ma che l’Italia, a chi lavora e vive qui in maniera permanente, manchi e non poco…

B&J

Nella foto io con i Blue&Joy, cioè Daniele Sigalot e Fabio La Fauci, all’interno della boutique londinese di Ferragamo. Il mio hair&make-up sono opera di Klare Ya Ya Wilkinson. Il mio outfit… Ferragamo naturalmente!

SHOWstudio: Fashion Revolution – Exhibition at Somerset House, London

naomi
Presso la Somerset House (Strand, London WC2R 1LA) fino al 20 Dicembre 2009, in mostra SHOWstudio, il progetto web del fotografo e artista visivo Nick Knight.
SHOWstudio è un sito web creato nel Novembre 2000 da Nick Knight, “that has consistently pushed the boundaries of communicating fashion online”.
Nick Knight aggiunge “SHOWstudio is based on the belief that showing the entire creative process-from conception to completion-is beneficial for the artist, the audience and the art itself.”
Questo il tema della mostra: “our experience of fashion is changing. In these times of instant, digitally-fuelled information, the fashion image is no longer confined to the static world of the printed photograph. Today we are confronted with a dramatic new fashion universe, where photography, film, performance, music, art and technology combine to create an infinitely richer landscape”.
Grande spazio è dato alla video-arte come forma di comunicazione visiva moderna e di avanguardia. All’interno della mostra lavori di Alexander McQueen, John Galliano, Naomi Campbell, Gareth Pugh, Comme des Garçons, Kate Moss, Björk ed altri importantissimi artisti del mondo della comunicazione visiva. In alcuni giorni è possibile assistere a live-set fotografici di fotografi di moda tra i più importanti nel mondo.

Londra, Venerdì 16 Ottobre. Oggi  sono stata a vedere lo ShowSudio di Nick Knights sulla riva del Tamigi. Belle installazioni. Alcune cose sono davvero interessanti. La cosa che mi è piaciuta di più è stata  lo studio dove vengono spesso realizzati servizi fotografici dal vivo. Il pubblico della mostra può assistere da dietro alla vetrata dove fotografi come Nick Knights stesso scattano top model come naomi e mariacarla lavori veri e propi, come la cover di Vogue UK… peccato che oggi non fosse prevista alcuna “live session” … che jella!
Mi consolo, guardando le proiezioni delle precedenti. Alcune sono proprio belle. Resto ipnotizzata dalle immagini che hanno una dimensione vagamente voyeristica e anche un po’ fetish… in realtà un po’ più che vagamente e penso a cosa avrebbe combinato lì dentro uno come Newton…
Dopo aver visto una specie di corto  divertente , realizzato nel Backstage della sfilata “NO!” di Victor&Rolf, sono tentata di acquistare (nella parte merchandising) una fantastica carta da parati color carne con immaginette di atti osceni,  disegnati in rosso in stile ‘700, poi penso… ma che me ne faccio? però bella! “La lascio lì ed esco ritrovandomi davanti ad uno scatto triplo gigante di naomi che mi  saluta sparandomi con un silenzioso mitra al neon lampeggiante. Muoio un attimo e poi mi riprendo… fermo un taxi e ritorno verso il centro… a guardare lily donaldson così magra, mi è venuta una gran voglia di metter qualcosa sotto i denti!

Una riflessione: grazie a Nick Knights stasera ho scoperto che Kate Moss è riconoscibile anche soltanto dallo stampo del suo rossetto! Andate a vedere la mostra e capirete di che sto parlando 😉