Interviews | paola iezzi | official website

Paola Iezzi Official YouTube

Seguimi su Twitter

Shop

Login

Xcept you – Remixes

Archivi

Categorie

interviews

La musica in tre minuti su Radio InBlu

Da giovedì 30 marzo a giovedì 27 aprile sarò ospite della mitica e adorata Paola Gallo a “La musica in tre minuti” alle ore 9.03 (e in replica alle ore 17.03) in onda ogni giovedì su Radio InBlu.
Non perdetelo!
Streaming qui: radioinblu.it/live

Intervista di “coppia” su FashionTimes

Ecco il link dove potete leggere la bella intervista che Marco Loriga, del portale di moda “Fashion Times”, ha fatto a me e Paolo Santambrogio insieme!
http://www.fashiontimes.it/2016/04/paolo-santambrogio-paola-iezzi-intervista-coppie-moda/

paolo e paola

Ospite a Reputescion di Andrea Scanzi – La videointervista on-line

E’ stato davvero un grandissimo piacere essere ospite di Andrea Scanzi nella terza puntata della settima stagione di Reputescion. Online sul sito ufficiale di La3 la mia video intervista!

video.la3tv.it/reputescion-7-stagione/video/paola-iezzi-ospite-di-andrea-scanzi-a-reputescion

Abito Daniele Carlotta – Hair and Make-Up Barbara Ciccognani

Intervista esclusiva – Parte 3/3

Ecco la terza ed ultima parte dell’intervista esclusiva realizzata da Marco Piraccini sul set dello shooting fotografico e video di “SE PERDO TE”.


Intervista esclusiva – Parte 1/3

Ecco la prima parte (di 3) dell’intervista esclusiva realizzata da Marco Piraccini sul set dello shooting fotografico e video di “SE PERDO TE”.


Marpessa, la ninfa rapita dalla moda

Marpessa era il nome di una ninfa, rapita da un guerriero di nome Idas. Anche il dio Apollo si era invaghito di lei e se la contese con Idas. Questa “bagarre” costrinse Zeus ad intervenire e a chiedere a Marpessa di scegliere fra i due. Marpessa, temendo l’incostanza del bel dio Apollo, optò per Idas. Il suo nome è tratto dal verbo greco “marpto” – rapire e dunque significa proprio “la rapita”
Successivamente il Boiardo trasse ispirazione per il nome di “marfisa”, una guerriera pagana che compare ne “L’orlando Innamorato” e ne “l’Orlando Furioso”
E della ninfa, Marpessa Hennik, la modella olandese resa immortale dalle primissime campagne di Dolce&Gabbana negli scatti di Ferdinando Scianna, ha probabilmente la stessa affascinante, irresistibile bellezza, e fu così che la moda la rapì.
Donna dal fisico sottile come un giunco, dal seno perfetto e dal volto di un’atipica bellezza poco associabile ad un clichè, dalla pelle ambrata e gli occhi del colore del deserto e da un’aria vagamente intellettuale, ha rappresentato sia la donna androgina, quando indossava gilet, pantalone e coppola, e sia la donna del sud, la donna sicula, così misteriosa e sensuale, magrissima negli abiti neri castigati o voluttuosamente trasparenti, sempre con quel suo volto magnetico, quasi “zingaresco”.
Marpessa ha attraversato il periodo più fulgido della moda, quello delle top models, quello della grande moda italiana degli anni ’90 e dei grandi stilisti. Quello che ancora oggi crea tanta nostalgia in chi lo ha vissuto. Oggi Marpy, come la chiamano gli amici, vive tra Amsterdam e Ibiza (luogo che adora), con la sua bambina, si occupa ancora di moda e ha mantenuto ancora molte amicizie in questo ambiente.
L’ho conosciuta tempo fa tramite il fotografo Mario Gomez, un carissimo amico comune. Marpessa oltre ad aver mantenuto una bellezza naturale ed un fascino inalterato, è una persona di una semplicità e sincerità atipiche, uniche direi.
Ho un ricordo di qualche anno fa che vorrei condividere con voi. Sarà stato il 2006 ed ero nella mia città, a Milano durante la settimana della moda. Ero seduta mentre aspettavo che iniziasse la sfilata di Francesco Scognamiglio. La gente si stava finendo di accomodare e c’era un bel fermento, quando nella sala è entrata Marpessa per sedersi, i fotografi che si occupano di scattare e riprendere tutte le uscite della sfilata hanno cominciato a urlare e ululare invitando “La Marpessa” a farsi fotografare. Per cinque minuti mi è sembrato di essere ad un concerto rock. E lei con la sua solita attitudine umile e un po’ timida ha sorriso, si è concessa un po’ ai suoi “fans” e poi si è accomodata per godersi la sfilata. Questa scena mi è rimasta impressa fino ad oggi e per un momento ho “vissuto” un piccolo frammento di quello che devono essere state le sfilate di quegli anni. Dell’entusiasmo, della sincerità, dell’amore, della devozione e della capacità creativa che ancora non troppo stritolata dal business e dalla velocità morbosa e nevrotica di oggi, permetteva ad artisti, designers, modelle e fotografi di emergere nel modo più prorompente possibile, creando così icone immortali e immagini incorruttibili dal tempo.
Marpessa, che ho rincontrato recentemente ad una sfilata, mentre era inviata per una sua rubrica di moda per la rivista “Amica”, si è concessa ad un’intervista per il mio blog e io sono ben felice di condividere questa bellissima “chiacchierata” con tutti voi.

Marpessa ed io

Ciao Marpessa, parlaci del tuo nome. E davvero molto bello e singolare?
I miei mi hanno chiamato Marpessa in onore all’attrice Marpessa Dawn che fu la protagonista del film “Orfeo Negro” di Marcel Camus, un capolavoro premiato con l’Oscar nel ’59, e che racconta il classico di Orfeo e Euridice messo in scena durante il carnevale a Rio de Janeiro. Per anni pensammo che fosse un nome brasiliano ma poi ho scoperta che Marpessa era una figura della mitologia Greca, come hai scritto nella tua introduzione. Non era un nome facile da portare quando era piccola ma penso che mi abbia dato carattere e grinta…. Poi in Italia viene a volte scambiato per Malpensa!

Raccontaci di te. Da dove vieni? I tuoi genitori? E come hai decido di intraprendere la carriera di modella. Come è andata?
Sono nata ad Amsterdam da una mamma Olandese e un padre bi-razziale, avendo una madre Olandese e un padre del Suriname, all’epoca colonia Olandese e paese che in Italia è soprattutto conosciuto per essere la patria di calciatori come Clarence Seedorf, Kluivert e Gullit. La mamma era una casalinga molto creativa in cucina mescolando sapori esotici con quelli più basici olandesi e nel modo di vestirmi con cose “vintage” dei mercatini e abiti fatti da lei, insegnando a anche a me a cucire. Mio padre invece era fashion designer, DJ, visual designer e adesso scrittore. Quindi vivevo in un ambiente creativo e sin da piccola avevo una grande interesse per la moda, il design, la cucina e la musica. Le riviste di moda straniere che erano sparse per casa quando ero piccola sicuramente hanno contribuito a svegliare in me il desiderio di diventare modella, vedendo le foto di Pat Cleveland e Janice Dickinson avevo un riferimento che in Olanda non era molto comune all’epoca!
A 16 anni una scout mi suggerì di andare in un’agenzia e cominciai a lavorare quasi subito lasciando il liceo dove ero distratta e fannullona. Dopo sei mesi veniva la Papessa degli agenti Eileen Ford ad Amsterdam per trovare nuovi volti ma quando mi vide mi consigliò di fare un intervento per le occhiaie, per i denti e per le orecchie a sventola. Offesissima e già un pò prepotente, questo verdetto mi ha spinta a dimostrarle che sarei riuscita ad avere una carriera nonostante questi difetti e visto che non consideravo molto il livello della moda (all’epoca) ad Amsterdam sono andata a Milano accompagnata dal mio papà, che avendo vissuto in Italia voleva assicurarsi che non fossi preda di qualche trappola play-boy da strapazzo. Arrivati al primo appuntamento dall’agenzia Beatrice volevo già scappare, la stanza dove aspettammo era tappezzata di copertine con Jerry Hall, Janice Dickinson etc. e io pensavo di non essere all’altezza: per fortuna una booker ha preso il mio book prima che potessi andarmene via e la signora Beatrice in persona e venuta subito a dirmi che sarebbe stata felice di rappresentarmi. Ero così felice e sollevata che non sono neanche andata in altre agenzie.

Marpessa in un'illustrazione dell'artista Ivo Bisignano per il magazine "Amica"

Come modella sei nata ed esplosa nel periodo forse più fulgido in assoluto della moda. In quel mitico periodo tra la fine degli anni ’80 e l’inizio dei ’90, nel quale sono nate le TOP, icone della mode, della bellezza e di un certo grado di perfezione considerata quasi assoluta. Dee dell’olimpo. Ci racconti un po’ quel periodo? Com’erano i set, com’erano le sfilate…? E gli stilisti?
Mah, io credo di aver avuto la fortuna di essere stata al posto giusto nel momento giusto. E credo che il mio “successo” era proprio dovuta al fatto di non possedere una bellezza perfetta, ma piuttosto un look un pò indefinibile, esotico, spavaldo… Comunque era un sogno diventato realtà, lavorare con i miei miti come Versace, Alaïa, Lagerfeld, Gian Paolo Barbieri, Helmut Newton etc.; accanto ai miei idoli Pat, Janice, Dalma! E fare parte del processo creativo, sia per foto che per sfilate, viaggiare, incontrare tante persone straordinari, per me equivale ad una laurea all’università! Un privilegio unico! Ma ho fatto tanta gavetta prima di “arrivare all’Olimpo”!

Le immagini di Scianna che ti immortalano giovanissima nella tua straordinaria bellezza, nelle primissime campagne di Dolce&Gabbana sono indimenticabili. Cosa provavi in quel momento? Ti rendevi conto che stavi contribuendo a scrivere una parte importante della storia della moda e del costume, oppure vivevi con leggerezza giorno per giorno godendo di ciò che ti stava capitando?
Ma per niente! I ragazzi all’epoca avevano un budget piccolissimo, eravamo solo loro, il fotografo Ferdinando Scianna, che era un fotoreporter dell’agenzia Magnum che non aveva mai fatto foto di moda prima e manco aveva un assistente e la stylist che mi aiutava pure con i capelli. Mi truccai da sola e girammo la Sicilia nella macchina prestataci dal fratello di Domenico e Scianna mi lanciò nelle situazioni più surreali nella sua Sicilia che io non conoscevo…. Quando ho visto il primo catalogo rimasianche un po’ male perché avevo le occhiaie in tutte le foto e io volevo essere perfetta! Ma alla fine quelle immagini sono state fondamentali ad accettare i miei “difetti” e a proporre un altro tipo di bellezza.

Qual è esattamente a tua idea di bellezza e quella di felicità? 
L’armonia dei difetti e sentirsi realizzati rimanendo curiosi.

Qual è il paese o la città che ami di più?
Il Bel Paese e Parigi

Hai mai pensato di diventare anche imprenditrice, o stilista o fotografa, come hanno fatto o tentato di fare alcune tue colleghe celebri?
Ma lo sono…. a modo mio. Quando smisi di fare la modella avevo bisogno di prendere un po’ le distanze dalla moda, i riflettori, fare un il punto della situazione sulla mia vita e volevo “mettere su famiglia”. Cosa che è poi avvenuta solo quando ormai avevo 40 anni, nel frattempo ho fatto studi di restaurazione, mi sono dedicata alla mia passione per l’arredamento, la fotografia… e ho ancora un sacco di idee da realizzare!

Qual è la figura di maggior riferimento per e su un set fotografico. Quella con la quale dialoghi meglio e che ti ispira di più?
Ovviamente con il fotografo e lo stylist anche se ai miei tempi tutta la troupe era  indispensabile per conseguire un buon risultato. Credo che oggi con la fotografia digitale sia più difficile creare una certa atmosfera e mantenere la concentrazione visto che ogni tre scatti tutti guardano lo schermo del computer per verificare luce, posa, trucco, capelli…

Oggi com’è la tua vita? So che hai una figlia bellissima che ami molto e che vivete un po’ in Olanda e un po’ a Ibiza, vero?
Viviamo a Ibiza e da quanto la bimba è entrata alla scuola primaria. Ibiza è un posto fantastico per far crescere i bimbi, per la libertà, la tolleranza, la natura e crescono imparando un minimo di tre lingue.
L’anno scorso ho trasformato  la mia casa in uno showroom d’arredamento, dove invito i clienti ad ispirarsi. Affitto questo posto anche per produzioni di moda e pubblicità visto che c’è anche un loft che si utilizza come studio fotografico e a volte anche per  workshop di yoga quando il tempo non è bellissimo.

Tu, che oggi sei un’icona immortale, cosa pensavi ieri e cosa oggi del mestiere di modella?
Mah, sicuramente lo intendi come complimento e ti ringrazio Paola ma non credo di essere un’icona immortale! Penso che la grande differenza tra ieri e oggi è che ieri prima di diventare “Top” lavoravi parecchi anni, acquisendo esperienza e imparando ad usare il tuo corpo, il viso, a muoverti e a saper “prendere la luce”. E una carriera poteva durare anche 15 anni o di più ma ci voleva molta disciplina, disponibilità, resistenza, energia, saper vivere in solitudine e capacità di incassare rifiuti e fare sacrifici. Oggi è più difficile perché ormai tantissime ragazzine vogliono diventare subito Top-model, penso anche dovuta ai tanti reality in TV mostrano una realtà da fiction! E succede che una sconosciuta dopo due stagioni è “Top” ma dopo pochi anni possa venir messa da parte… Sono poche quelle che si distinguono e durano nel tempo…

Ci sono sempre molte polemiche che accompagnano il mondo della moda e che riguardano l’anoressia. Ultimamente Vogue Italia ha proposto un fantastico numero dedicato alle modelle “curvy”. Cosa pensi, tu che tutt’oggi sei magrissima e in forma, della magrezza spettrale che viene spesso proposta in passerella?
L’anoressia nervosa e la bulimia sono malattie psichiche che portano a gravi disturbi del comportamento alimentare e purtroppo vengono confusa spesso con una magrezza naturale. Io ho lottato contro la mia magrezza sin dall’età di 12 anni, cercando di ingrassare, mangiando come un camionista, ma ho avevo e ho tutt’ora un metabolismo molto accelerato; è genetica!. Ma avendo praticato molto sport nell’infanzia e l’adolescenza avevo comunque un corpo tonico e il seno mi si è sviluppato un pò quando iniziato a prendere la pillola e quindi, pur vestendo una 38/40 avevo delle mini-curve. Difatti mia mamma sosteneva che non ero magra, ma sottile! Ovviamente mi è servito molto quando sono diventata modella, soprattutto perché la fotografia tende a “dare qualche chilo in più” motivo per cui è necessario portare una 40. Ora è vero che per anni abbiamo visto delle ragazze magrissime che a me non sono mai piaciute, ma soprattutto perché non sembravano sane, non avevano un filo di muscolo, sembrava che non fossero mai salite su una bici o dei pattini! E non va dimenticato che, durante la stagione delle fashion week, tra New York, Londra, Milano e Parigi, le top fanno anche 50 sfilate, più fitting, più prove e non sempre si riesce a mangiare bene. In più si dorme pochissimo! Ricetta perfetta per farti perdere quei due chili che, nel mio caso, sono quelli sufficienti per farmi sembrare anoressica!Quindi non è sempre facile distinguere la magrezza naturale e un po’ di stress momentaneo, dovuto al tipo di vita che si conduce, da una patologia vera e propria che va individuata e curata in apposite strutture mediche.

Che consiglio ti sentiresti di dare alle giovani ragazze che vorrebbero intraprendere la carriera di modella e che aspirano a diventare come te un giorno?
Prima di tutto, non farsi ingannare da “agenzie” e “scout” che ti promettono una carriera da modella se ti iscrivi a qualche corso per indossatrice e/o che chiedono (a volte tanti) soldi per fare delle foto per il portfolio. Tutte le agenzie rinomate e serie, di solito non hanno bisogno più che di qualche foto in prima piano naturale, di qualche scatto intero in costume tipo le foto che si fanno in vacanza… La verità poi è che spesso le ragazze che sono diventate top, sono state “trovate” magari fuori da scuola, o per strada mentre facevano shopping o in giro con le amiche. Se poi l’agenzia per cui lavora lo scout vede una possibilità lavorativa per la ragazza, è l’agenzia stessa ad organizzare degli shooting fotografici anticipando le spese, che poi vengano addebitate alla modella  una volta che poi la ragazza comincia a lavorare.
Poi come dicevo già prima, ci vuole molto disciplina, ambizione, disponibilità, energia, capacità di fare sacrifici e saper vivere in solitudine. Purtroppo ci sono poche ragazze italiane che hanno fatto una carriera al top come Maria Carla Boscono, Bianca Balti o Monica Bellucci, perché troppo spesso non riescono a stare lontane dalla famiglia o dal fidanzato troppo geloso!

 

Father&Son – Intervista con Franco e Daniele Bolelli


Tempo fa ero in autogrill, il giorno dopo un concerto… come al solito mi sono fatta un giro nella zona libri, dischi etc. Tra le varie pubblicazioni, spiccava un librone bianco con tante pagine e un titolo figo: VIVA TUTTO! Di Lorenzo Cherubini e Franco Bolelli. Nonostante la mole, il libro era leggerissimo, come se la carta delle pagine fosse fatta di una sorta di antimateria. Mi ispirava. Non sapevo che Lorenzo avesse scritto un libro nuovo. Comprato.

Lo ammetto, sono lentissima a leggere. Anche se mi piace un sacco, devono passare prima un tot di pagine prima di essere completamente coinvolta…e poi, se un libro mi piace, non lo finirei mai. Insomma una tragedia..

Ho iniziato a leggere “Viva Tutto! “ e l’ho amato subito. Visceralmente. Ci ho anche messo relativamente poco a leggerlo. Ero in un momento molto particolare della mia vita e spesso era come se il libro mi parlasse, mi motivasse, mi spronasse. Mi faceva stare bene e mi sembrava mi facesse riflettere, in modo diverso, su argomenti che mi stanno molto a cuore (l’esistenza umana, il futuro, il presente, l’amore, la spiritualità, la musica, i viaggi, l’universo, la tecnologia, internet, Dio) ma da angolazioni e prospettive spesso nuove e a volte insolite. E poi ho amato l’impianto, la costruzione, l’idea sulla quale si regge tutto questo.

Si perché, praticamente, il libro è congeniato come uno scambio epistolare (via mail) tra Lorenzo Jovanotti e Franco Bolelli (scrittore, filosofo e pensatore moderno), che si fanno domande a vicenda, si pongono quesiti, riflessioni, si scambiano opinioni, punti di vista che a volte sono vicini, altre volte lontani.

Mi sono innamorata del libro, consigliandolo praticamente a tutti. Ho fatto avere i miei più sinceri complimenti a Lorenzo (un artista e un musicista che stimo dal profondo del cuore) e poi, un giorno, ho contattato su facebook Franco Bolelli, per farli anche a lui. Franco, molto carinamente mi ha risposto.

In “Viva Tutto!”, sia Franco sia Lorenzo, citano spesso Daniele Bolelli (il figlio di Franco) che viene “tirato in mezzo” in riflessioni che riguardano soprattutto le arti marziali, lo zen e le religioni. Daniele, nonostante la giovane età, insegna nelle università californiane proprio “Storia delle Religioni”.

In parole povere, tramite facebook, ho conosciuto sia Franco sia Daniele. Due persone speciali, entrambi, certamente fuori dal comune. Stupendi tutti e due. Ci siamo scritti diverse volte e ripromessi di vederci presto per conoscerci, anche di persona. Poi, giorni fa, ho inviato loro questa intervista per il mio blog, che ho scritto una mattina alle 5 tutta d’un fiato. Ci tenevo che rispondessero ad un’intervista doppia senza influenzarsi a vicenda, su quesiti che spesso mi attanagliano… ho pensato che due persone di cultura e di vivacità intellettuale come Franco e Daniele, un padre e un figlio, avrebbero potuto darmi certamente risposte interessanti sulle quali riflettere. Così è stato.

Le pubblico qui, in un’intervista che ho chiamato appunto “Father&Son”.

Cosa pensi della felicità? Esiste oppure no, è un miraggio umano?

FB Esiste, eccome se esiste! Esiste in tanti gesti quotidiani ed esiste come spinta vitale, come relazione forte con il mondo e con la vita, che è più forte anche dei drammi, dei problemi, delle debolezze, dei momenti di ripiegamento e di tristezza e di fragilità. Credo che possiamo essere tanto più felici, se nella vita non cerchiamo altro scopo che la vita stessa, se non ci difendiamo dalla vita.

DB Allo stesso modo come la salute non è meno oggettiva della malattia, la felicità è tangibile e reale quanto depressione e tristezza abissale. Ma non stiamo parlando di una dimensione intoccabile che una volta raggiunta non ci abbandona mai. Si parla di un’attitudine verso la vita che non muta il suo orientamento nonostante momenti di tragedia e dolore. Uno fra i miei idoli, Ikkyu (un monaco buddista i cui principali interessi erano lo Zen, il sesso e il sake’), parla di “gioia nel mezzo della disperazione”. La vita e’ dura—non c’e’ dubbio. E ogni giorno ci imbatteremo in forze che faranno di tutto per darci motivo di deprimerci. Riconoscere la disperazione senza che questa rovini la tua voglia di ridere… questo per me e’ la porta della felicita’.

Che cos’è la biodiversità?

FB E’ l’assoluta, incondizionata, infinita molteplicità e varietà della vita, che si esprime in migliaia di forme, di movimenti, di organismi. E’ il principio per cui tutte le cose viventi generano sempre più cose viventi.

DB E io che ne so? Mi hai preso per uno intelligente? 🙂

Credi che gli uomini stiano andando verso una evoluzione “buona”? Oppure che siamo destinati all’autodistruzione? In qualunque caso, perché?

FB L’evoluzione è evoluzione e basta. In quanto evolve è buona, ma l’evoluzione non è soltanto buona o virtuosa: l’evoluzione – tanto da un punto di vista globale quanto da quello della nostra esistenza singolare – è anche un rischio. D’altra parte quando mai è esistita una singola esperienza umana appassionante che non sia quel tanto rischiosa?

DB Entrambe le cose. E’ innegabile che l’umanità stia flirtando con l’autodistruzione. La quantità di veleni che mettiamo nell’atmosfera a volte senza nemmeno rendercene conto è oggettivamente inquietante. L’idiozia del fondamentalismo religioso e una mostruosa avidità sono due forze gemelle che ci portano ogni giorno più vicini all’abisso. Deprimente? Sì, ma al tempo stesso, molte cose sono migliorate in meglio. C’è oggi meno razzismo e più apertura mentale in buona parte del mondo di quanta ce ne siamo sognati per secoli. Esiste un sempre crescente numero di persone che si sbatte per inventare nuove soluzioni meno nocive a umani e al pianeta. I segni positivi sono potenti quanto quelli negativi. La corsa è tirata ma è tutt’altro che decisa.

Che cosa ti piace di più della dimensione umana? Potresti definirti un filantropo oppure no? Come ti definiresti?

FB Sono attratto dagli esseri umani, dalle vite singolari, dalle storie degli umani. Ad attrarmi in particolare è quell’umanità che si slancia, che prova a mettere al mondo qualcosa che prima non c’era, che sposta frontiere, che allarga orizzonti, che nutre le energie di chi ha intorno.

Non mi definirei, mai. E’ una questione che non mi pongo. Ci sono e basta.

DB Argh… mi definirei… “inquietantemente bello”. Ok, scusami, la smetto di dire cazzate. Continuo un pò quello che dicevo sopra. Forse è la mia assuefazione a risposte yin-yang, ma penso di essere profondamente filantropo e misantropo allo stesso tempo. La stupidità umana è di una potenza innegabile. Non si perde mai a scommettere su di lei perchè e’ ovunque. Quindi, in un certo senso, buona parte dell’umanità mi appare di una mediocrità penosa (questo è ciò che succede se leggi troppo Tao Te Ching e Nietzsche da piccolo). Ma al tempo stesso, ci sono anche tanti umani dotati di un coraggio, calore e creatività commuovente (bella l’allitterazione, eh?). Amo gli animali, ma ciò’ che mi piace di più degli umani è che più di ogni altro animale abbiamo un ampissimo campo di scelta. Alcuni la usano malissimo e altri benissimo, ma avere più ampie possibilità non è mai una cosa a cui rinuncerei.

Quando pensi all’umanità pensi prima all’individuo o alla collettività? Perché?

FB Mi appassiona la possibilità di un sé eccezionale che condivide e coevolve con tanti altri sé eccezionali. Mi appassiona l’ego che si espande insieme con altri ego.

DB Francamente, non è che ci penso molto. Capisco che la risposta non è esattamente illuminante, quindi provo a fare di meglio. Pensare troppo solo all’individuo significa perdere di vista il globale e passare troppo tempo ad ammirare il proprio ombelico – cosa che solo di rado è una buona cosa. Pensare troppo alla collettività significa dedicare troppo tempo a cose su cui puoi avere un impatto minimo e quindi può essere paralizzante. Una sana via di mezzo mi sembra di rigore.

Cosa pensi della famiglia?

FB Penso che una donna e un uomo debbano vivere la propria relazione come una grande impresa, e che debbano come una grande impresa crescere un bambino. Se la famiglia è questa cosa qui, è quanto di più essenziale. Altrimenti no.

DB Intendi la “famiglia” nel senso del Padrino o in un altro senso?

Se mi fanno regali di compleanno, mi piacciono. Se no, si fottano.

Rispetto alla religione che posizione assumi? Credi in Dio? Sei ateo? Agnostico? Come definiresti in pratica la tua “posizione di fede”?

FB Sono estremamente pragmatico, tendo a impegnarmi al duecento per cento in ogni cosa che posso fare e risolvere, e a non occuparmi di questioni che in ogni caso non potrei risolvere. Credo prepotentemente alla potenza biologica, alla grande corrente vitale.

DB Agnostico con asterisco. Ovvero, vivo al tempo stesso momenti in cui mi sembra che non esista alcun senso né logica nell’universo e altri in cui mi sembra ovvio l’esatto contrario. Le mie sensazioni ed esperienze a riguardo sono ugualmente potenti quindi mentirei se per semplicità decidessi di ignorarne un tipo a favore dell’altro. Chiaramente, però, se per “Dio” intendiamo un vecchio nel cielo con la barba bianca e premia i buoni e punisce i cattivi… non credevo a Babbo Natale neanche da bambino.


Credi che esista la reincarnazione?

FB Fino a poco tempo fa liquidato la cosa con qualche battuta teneramente sprezzante. Ma ho una moglie che crede alla reincarnazione, e vorrei passare con lei tante altre vite. Così continuo a sorriderne, ma mi diverte pensare che possa esserci.

DB Boh! E se anche esistesse – cosa possibilissima – che cosa vuol dire? Senza il nostro corpo né ricordi, che cos’è che rimane di noi? Cosè questa “anima” che si reincarna? La reincarnazione crea più domande che risposte. Il che non vuol dire che non esista, ma è complicata anche solo da concepire. Comunque, per natura il “credere” non mi piace. O le cose le conosco per esperienza oppure non sono parte del mio conoscere, nel qual caso “credere” vuol dire ben poco. Credere o non credere sono passatempi a mio personalissimo giudizio che lasciano il tempo che trovano. O sai per esperienza o non sai. Tutto il resto sono chiacchiere.

Credi che l’idea di Dio aiuti le persone a stare meglio, oppure le distragga solo dal dolore?

FB Dovremmo chiederlo a loro. Non ho una posizione ideologica, in merito: tutto quello che aiuta una persona a star bene mi piace anche se posso non condividerlo. Temo che per moltissimi Dio sia soltanto una consolazione.

DB Temo che comincerai a notare un ritornello nelle mie risposte visto che ti dico “entrambe le cose”. Di sicuro aiuta molti a stare meglio, ma anche credere a Babbo Natale lo fa. Ma alla fine l’unica cosa che conta sono i risultati. Se il tuo credere (o non credere) in Dio ti rende una persona piu’ gioiosa e piacevole, allora mi piace. E se no, no.

Ti chiedo di raccontarmi un’immagine . La prima che ti viene in mente.

FB Il giorno in cui su Skype, neanche un’ora dopo che era nata, mi è apparso mio figlio tenendo in braccio la sua bimba, e io in un vero flash rivelatorio ho rivisto me a ventitré anni con in braccio lui appena nato.

DB Una bellissima immagine che ho visto di recente ritrae una splendida donna (tale Paola Iezzi… la conosci?) che tiene vicino alla testa una copia di un mio libro. Posso commuovermi in diretta?

Cos’è la bellezza per te. Raccontala come preferisci.

FB Non ho un’idea estetica della bellezza. Mi appassionano le facce, i gesti, i sorrisi, i movimenti dei corpi. Mi appassionano tutte le manifestazioni vitali fatte di slanci. Su un orizzonte più globale, trovo splendidi quegli esseri umani che abbracciano spinte così molteplici da apparire contraddittorie e che riescono a trasformarle in inestricabile armonia.

DB Vedi risposta sopra… ok, la smetto di adularti. La bellezza è la risata della mia bimba (che ha appena compiuto due anni e si è svegliata dicendo “Birthday… Party… Iz… Cake”) La bellezza è qualunque cosa crei felicità.

Infine vorrei sapere la “tua” canzone. Solo una.

FB Una?! Una ?!?! E’ una tortura! In questo momento, ti direi “Everything In Its Right Place”, Radiohead. Ci sento dentro in forma di suono tutte le tue domande e le mie risposte e quelle di Daniele, e anche le mie domande e le tue risposte e le sue.

DB Solo una?!?!?!?!??!?!?! Argh… mi fai del male. Ce ne sono veramente tante… Ok, mentre scrivo la mia bimba ha interrotto la fila di scuse che mi ero preparato e ha scelto per me. Ha fatto partire sullo stereo “Is This Love” di Bob Marley e si e’ messa a ballare. E chi sono io per non adottare la sua risposta?


FRANCO BOLELLI

Franco Bolelli e nato a Milano nel 1950, è uno dei più influenti filosofi moderni italiani. Si occupa di innovazione, nuovi modelli mentali, sentimentali, comunicativi, progettuali, vitali. Molti libri, in particolare Viva Tutto! con Lorenzo Jovanotti Cherubini, e prima “Cartesio non balla” e “Con il cuore e con le palle”.

DANIELE BOLELLI

Daniele Bolelli è nato a Milano nel 1974 da una famiglia di scrittori. Ha pubblicato diversi libri tra i quali il suo primo personale, “La tenera età del guerriero”, quando aveva solo 22 anni. Attualmente vive a Los Angeles, dove è professore, artista marziale e scrittore. Insegna le religioni del mondo, la storia delll’antica Roma, storia e filosofia delle arti marziali, oltre a tenere numerosi corsi sul rapporto tra cinema e storia. Forse più peculiare del suo repertorio è lo stile delle lezioni di Bolelli, che combina la complessità dei temi affrontati con molta ironia e “gergo da strada”, per questo è stato definito “mezzo comico e mezzo ‘maestro zen’. Questo particolare mix di stili lo ha reso molto popolare fra gli studenti. Daniele Bolelli ha appena pubblicato il suo nuovo libro dal titolo “ iGod – Istruzioni per l’uso di una religione fai da te”.

Intervista con Alice Gentilucci

ph. Helmut Newton

Ho conosciuto Alice per la prima volta a casa di un amico comune. Ma ci presentarono e basta. La incontrai nuovamente in occasione del compleanno di questo amico comune, lo stilista americano Lawrence Steele. Stavolta chiacchierammo sedute ad un tavolo in mezzo al giardino di questa grande casa a Milano. La conoscevo di nome, sapevo che era fashion editor per Vogue Italia da parecchi anni. Quando iniziammo a parlare ricordo che restai molto colpita da lei. Era molto lontana dal clichè che vuole la “gente della moda” spesso un pò “poseur”, un pò stravagante, sempre con quell’aria velata e un pò aliena, distratta e un pò snob.
Alice non aveva nulla di tutto questo. Sarà per quell’aspetto da eterna ragazzina che mi fece subito simpatia. Ricordo che la cosa che più mi colpì di lei fu la sua curiosità e la sua allegria. E’ spesso sorridente, ma il suo sorriso non è stereotipato, è un sorriso divertito, curioso, reale. E’ una donna adulta, ed è anche mamma, ma il suo sguardo comunica uno stupore che appartiene più a quello di una bambina. Una di quelle bambine “furbette”, intelligenti. Diverse dalle bambine comuni. Di quelle che capiscono tutto al volo. Un pò un giamburrasca in gonnella!… Contribuisce a donarle quell’aria, anche la spruzzata di lentiggini che ha sul naso all’insù e sul viso sempre acqua e sapone con gli occhi grandi e scuri. Snella. Bella e con una grazia niente affatto scontata.

ph. Ellen Von Unwerth

Non ho incontrato molte persone come lei e per quanto mi riguarda Alice mi piacque subito. Prima di conoscerla sapevo che aveva lavorato con Newton (uno dei miei fotografi preferiti di sempre), e questo, dopo averla conosciuta, non faceva che accrescere la mia curiosità nei suoi confronti.
Il giorno dopo inserii il suo nome su google e mi apparve il suo sito… rimasi di sasso. Conoscevo alcuni suoi lavori e sapevo alcune cose su di lei, ma di colpo scopri che una marea di quelle famose fotografie che sono archiviate nella mia testa e che nel corso degli anni sono diventate ricordi indelebili per me, l’avevano vista protagonista come fashion editor.
Scatti immortali di Newton, della Von Unwerth, di Lindbergh, di Roversi, Sorrenti, scatti indimenticabili con Linda, Christy, Claudia, Naomi, Milla, Kate, Eva, Karen, Shalom, Mariacarla. Questa piccola scoperta unita alla personalità che conobbi di Alice la sera prima, fece di lei, ai miei occhi, un “super eroe”. Una come lei, se aderisse ai canoni di un mondo di plastica come il nostro, dovrebbe camminare a tre metri dal pavimento e parlare con quell’aria di chi è diverso e migliore di te. Invece Alice, è questo il suo segreto secondo me, mantiene la curiosità per tutto ciò che la circonda e si meraviglia e stupisce ancora di fronte alla bellezza. Indaga e cerca di capire. Ha un talento innato e tangibile. È animata dalla passione e dall’entusiasmo per la vita e per l’arte, ma in lei, sorprendentemente, leggi anche il tormento. E questo la rende così… speciale! “Alle persone come Alice bisogna fare un sacco di domande… per imparare”, mi sono detta… Per questo motivo ho deciso di intervistarla per il mio blog e lei è stata così carina da accettare!

Alice Gentilucci

Il tuo è un lavoro particolare. Non tutti sanno bene di cosa si tratti. Non è così automatico decidere di farlo. Dove sei nata? Che studi hai fatto? Che lavoro facevano i tuoi genitori e dunque, come sei arrivata a fare quello che fai?
Sono nata a Milano, ho frequentato il liceo artistico e poi Grafica Pubblicitaria per tre anni……….. ho cominciato a lavorare a 20 anni come assistente stylist per caso, ma la moda e l’immagine mi aveva da sempre affascinato……. mio padre mi avrebbe voluto avvocato, come lui!

Qual è il tuo primissimo ricordo infantile o di ragazzina importante legato alla moda o dell’immagine?
Mia madre era una donna bellissima e molto curata, sembrava un’attrice del cinema neorealista Italiano anni ’60…………. io da bambina facevo dei disegni di abiti e le chiedevo se li avrebbe indossati…

Qual è la prima cosa che ti colpisce di uno scatto fotografico?
La bellezza femminile.

Cos’è la bellezza per Alice Gentilucci?
La bellezza e’ emozione estetica………..

Qual è il tuo ideale di “femminile” ? Che genere di donna è la tua?
Ho un ideale preciso, che e’ legato al cinema, mi piacciono le donne degli anni ’60….. la morbidezza dei corpi, la grazia e la forza, l’ironia e l’eleganza di quei tempi, Monica Vitti, la Cardinale, Silvana Mangano. Sofia Loren……..anche Anna Magnani con i suoi difetti che trovo molto sensuali…….. Ultimamente sono affascinata dalla bellezza orientale, i film di Ang Lee e Wong Kar Wai, hanno un’estetica travolgente.

Per te esistono canoni assoluti di bellezza o la bellezza è un concetto che si trasforma di volta in volta. Ci sono degli aspetti della bellezza che restano costanti oppure no secondo te?
La bellezza, nel mio lavoro e’ trasformazione anche se ci sono dei riferimenti che mi piace tenere costanti………….. i tacchi alti, mani e piedi curate, capelli e trucco impeccabili!
Chiaro che dipende dalla storia che voglio trasmettere ma personalmente vorrei che le pagine profumassero.

La donna dei tuoi sogni corrisponde anche nella realtà o realtà e ideale sono dimensioni totalmente distanti
La donna dei miei sogni e’ troppo estetica……….

Mi racconti com’è stato essere sul set di Newton per la prima volta? Eri molto giovane se non sbaglio.. nervosa? Com’era lui sul set?
La possibilita’ di lavorare con un genio come HN e’ stato per me un grande regalo, la prima volta mi chiese di mandargli tutti i capi fotografati in polaroid ed indossati….costrinsi la mia assistente a prestarsi come modella, guepierre, guanti in lattice, plastiche trasparenti ecc………..ci siamo divertite un mondo………….ando’ benissimo sul set..io ero giovane e quindi curiosa e presi la cosa con entusiasmo fino a perderci il sonno.
Lui era esigentissimo ma fortunatamente con un gran senso dell’ umorismo, ho imparato molte cose lavorando con Newton!

Cosa ami di più del tuo lavoro?
La possibilita’ di fare cose nuove, intellettualmente e fisicamente.

C’è qualcosa che invece detesti?
Le lunghe attese. A volte arrivo in studio alle 7.30 e la modella e’ pronta alle 14.00.

Per lavoro hai viaggiato molto. Qual è la città più stimolante dove ami sempre tornare? Perché?
Non ho una citta’ preferita, diciamo che sono piu’ serena quando lavoro in Europa, Parigi e Londra sono citta’ perfette anche per le location. Se Los Angeles non fosse cosi’ lontana per la qualita’ della luce e la temperatura forse la metterei al terzo posto.

Qual è il fotografo con il quale hai lavorato che racchiude insieme talento, intelligenza, estro, simpatia e personalità?
Come stylist non posso sceglierne uno solo…..Sono stata molto fortunata ho sempre lavorato con grandi personalità.

Io e Alice ad un festa

Mi racconti un episodio astruso o divertente vissuto su un set?
Mi ricordo un servizio con Ellen Von Unwerth era per l’alta moda e da una scogliera siamo scesi fino in spiaggia in un sentiero pericolosissimo e con tutto il materiale, abiti Couture compresi…. ho pensato di morire, avevo 12 cm di tacco!
Un’altra volta con Mark Borthwick abbiamo attraversato l’America in un Camper…… siamo stati via per 2 settimane…… con Stella Tennant, Carolyn Murphy e Chandra North …… guidando una notte nel deserto abbiamo visto una cosa luminosa e sconosciuta in cielo……….. forse un UFO!

Cosa preferisci fare? Editoriali di moda, campagne, advertising, sfilate o lavorare con i personaggi?
Non ho preferenze, mi piace tutto quello che e’ creativo.

C’è qualcosa che non hai ancora fatto ma che ti piacerebbe fare sia legato al tuo ambito che anche no?
Mi piace scrivere…….

Hai un grande rimpianto oppure sei felice di ogni tua scelta fatta fino ad ora?
Non ho rimpianti, ma dopo il mio secondo figlio non ho volato per 2 anni ed ho perso occasioni importanti! Viaggiavo solo con treni!

Se chiudi gli occhi e ci pensi, cosa ti fa commuovere? La prima immagine o ricordo… cosa ti viene in mente?
Mi commuovo facilmente………a volte quando tutti ridono al cinema .io piango………mio figlio lo racconta sempre.

Cosa consigli ai giovani che vogliono intraprendere la tua carriera oggi?
Visto come vanno le cose ci vorrebbe una domanda di riserva………………..comunque…….
Assistere una stylist free lance o entrare in una redazione.
Fare molta ricerca, osservare le persone ed informarsi.
Pensare a delle piccole storie da trasmettere nelle immagini.
Documentarsi su sfilate, personaggi e vecchi libri di fotografia ed arte e blog.
Ascoltare musica, leggere libri e andare al cinema.
Aver la passione dei viaggi.
Non chiedersi dove sarai diretto domani!

Ecco alcune delle mie foto preferite di Alice, se volete vederne tantissime altre visitate il suo sito www.alicegentilucci.com